Giorni in Birmania (George Orwell)

c_2386

Sono appena tornato dai miei “Giorni in Birmania”, e ricordo ancora perfettamente il momento in cui una giovane donna che cercava invano di vendermi dei souvenir mi ha chiesto da dove venissi; sentendosi rispondere “Italy” ha estratto con un sorriso questo libro, in italiano!

Mi ha colto davvero di sorpresa, e l’ho comprato di getto, anche perché il libro portato per il viaggio l’avevo già finito nel volo d’andata.

Ero in Myanmar, in Birmania, davanti ad un tempio di Bagan, luogo di stupori dove la sera stessa ho scattato la foto qui sopra; eccomi a leggere un libro scritto un secolo fa da un inglese che poi diventerà un grande delle letteratura, un romanzo che racconta di un mondo coloniale che fortunatamente non c’è più, dove violenza e sopruso sono all’ordine del giorno, a volte ricercati quasi come passatempo, a volte considerati l’unica risposta possibile a qualunque problema, a volte tollerati come un male necessario.

Racconta la storia di un commerciante di legnami, personaggio complesso che ondeggia tra codardia ed eroismo, tra menefreghismo e altruismo, tra abbrutimento e desiderio di riscatto, tra desiderio d’amore e rifugio nella solitudine.

Dal punto di vista letterario lo consiglio perché fa capire cosa è stata la presenza degli europei nelle colonie, con immagini che ci arrivano direttamente da chi le ha vissute. Ho anche apprezzato particolarmente le bellissime descrizioni dei paesaggi nelle diverse ore del giorno.

In particolare per me è stato soprattutto un modo per restare sospeso nell’atmosfera birmana, nelle piccole cose che caratterizzano questa parte di mondo, siano il modo di vestire, i fiori selvatici, la vegetazione lussureggiante della foresta, i profumi del cibo speziato cucinato all’angolo della strada.

L’ho iniziato in Myanmar e terminato ieri in Italia; assieme alle foto del viaggio che sto sistemando ha contribuito a far perdurare questa sensazione birmana che ho respirato e respiro ancora, sensazione che resterà a lungo nell’aria qui attorno.